Durante la stagione estiva vi aspettiamo a Crotone...

DIZIONARIO DI BASE

Back-side:

qualsiasi movimento o appoggio verso la schiena del rider (il suo back-side appunto) viene definito con questo termine,avremo quindi appoggi back-side, curve bs, rotazioni bs (che sono quelle compiute uscendo dal dente del salto con la schienaverso valle) spesso scrivendo si usa l’abbreviazione bs.

Fakie:

surfare andando alla rovescia ( si usa il sinonimo switch quando ci si riferisce a qualsiasi manovra aerea compiuta in andatura fakie).

Forward:

surfare normalmente dal proprio verso non al contrario (chiunque ha un senso di marcia prevalente).

Front-side:

E' l'esatto contrario di back-side idem per il concetto di rotazione front-side (esci guardando verso valle) spesso scrivendo viene usata l’abbreviazione fs.

Goofy:

è colui che in Andatura Forward surfa col piede destro avanti.

Regular:

è colui che in Andatura Forward surfa col piede sinistro avanti.

Rider:

chiunque cavalchi qualcosa, Snowboard compreso!

 

DIDATTICA

Andatura:

Modo di procedere del rider sulla neve. Può essere forward oppure fakie detto anche impropriamente switch ma che andrebbe usato solo in caso di manovra aerea.

Appoggio:

da non confondere con Carico, è l’azione che permette di aumentare la pressione all’estremità del piede (avanti in front-side e dietro sul back-side). L’Appoggio è l’elemento fondamentale per una corretta Presa di spigolo.

Azione ribaltante:

intervento intenzionale che il Rider compie per creare una forza diretta in avanti-interno nella fase finale di una curva ribaltando il corpo rispetto all’asse longitudinale in direzione della nuova curva da compiere.

Azione sterzante:

movimento di rotazione degli arti inferiori che permette di gestire durante la curva la tavola tra la Conduzione e la Sbandata controllata.

Carico:

è la risultante di tutte le forze che agiscono sul sistema attrezzo-Rider, avendo come punto di applicazione il baricentro del Rider.

Conduzione:

curva eseguita senza sbandata alcuna solo sullo spigolo della tavola.

Slittamento:

scivolare verso valle con lo Snowboard trasversale rispetto al senso di marcia.

Feed-back:

stimolo di risposta che riceve il Rider dall’azione che sta compiendo.

Presa di spigolo:

vincolo al suolo della tavola determinato dall’angolo di incidenza con la neve della stessa.

Sbandata controllata:

azione combinata dei muscoli rotatori degli arti inferiori che utilizzando il bacino come fulcro, consentono di guidare la tavola nell'arco di curva semicondotta (sbandata).

 

STILI

Hard:

surfare con attrezzatura specifica da pista, tavole più lunghe e strette con coda tronca nonché più rigide destinate alla prestazione velocistica e all’esasperazione della stessa, scarponi in materiale plastico molto simili a quelli da sci e attacchi a piastra molto spesso in materiale metallico, il tutto poco versatile (costoro sono comunemente detti hardbooters per via dei loro scarponi di marmo, ma non preoccupatevi… l’estinzione è vicina.

Soft:

surfare con attrezzatura “morbida” ma non troppo, scarponi più morbidi di quelli Hard, che offrono meno sostegno e che permettono più movimento e comodità a scapito della precisione pura, e attacchi a guscio costruiti in materie plastiche e sempre più spesso in leghe e fibre sintetiche, le tavole si differenziano molto da quelle Hard per via della bidirezionalità totale, della larghezza superiore e di una resistenza alla flessione meno marcata, il tutto molto versatile (la maggioranza degli snowboarders sono Soft e praticano Freestyle o Freeride).

Freestyle:

surfare liberamente ma con l’obbiettivo marcato del salto, dell’acrobazia a tutti i costi sfruttando dove possibile strutture già pronte (parks) o costruite appositamente dai freestylers.

Jibbing/Flat:

branca strettamente derivata dal Freestyle nel quale è compresa. di recente sviluppo, vi si prediligono le basse velocità e l’evoluzioni compiute sulle piste Flat-tricks o su strutture metalliche, il tutto sfruttando l’elasticità della tavola. Ultimamente le case propongono materiali appositi per questa disciplina a scapito della versatilità e dell’evoluzione tecnica dei Rider.

Freeride:

surfare liberamente in pista e fuori pista facendo salti, cliffs, curve, neve fresca… ma sempre sfruttando qualsiasi mezzo meccanico (impianti, motoslitte, gatti, elicotteri) e la morfologia del terreno a disposizione (la massima espressione si ottiene in neve fresca).

Backcountry:

surfare in neve fresca raggiungendo la cima della montagna con le proprie forze, ciaspole (racchette da neve), scietti, tavola split ecc…(senza dimenticare gli strumenti di autosoccorso).

Freecarve:

surfare in pista con l’unico obbiettivo di fare curve interpretando a proprio modo i pendii a disposizione. i freecarvers possono essere sia Soft che Hard pur avendo attrezzature molto varie (dal Freeride al Hard puro).

Carving o hardboot:

surfare in pista con attrezzatura specifica da alte velocità con l’obbiettivo di esasperare la Conduzione e la prestazione velocistica, cimentandosi talvolta tra i pali da slalom e slalom gigante.

 

ATTREZZATURA

Boots:

comunemente detti scarponi.

Bindings:

non sono altro che gli attacchi, il sistema col quale siamo connessi alla tavola.

Straps:

le fasce dei nostri attacchi, quelle che stringiamo per legarci alla tavola.

Leash:

un laccetto che viene fissato all’attacco anteriore e si lega alla gamba (è un dispositivo di sicurezza mutuato dall’Hard che sta diventando obbligatorio in alcune regioni).

Spoiler:

non è quello della macchina, ma sono quei due sostegni di fibra ripiegabili ove appoggiamo il retro dei nostri Boots e che salgono fin quasi al polpaccio, sono il nostro sostegno sul back-side.

Step-in:

particolare tipo di attacchi con aggancio e sgancio rapido simile a quello degli sci.

Board:

la nostra tavola.

Top-sheet:

è la parte superiore della nostra tavola, quella dove mettiamo gli attacchi.

Core:

l’anima della nostra tavola, può essere in legno, legno e compositi, o in schiuma (bassa qualità).

Sidewall:

il bordino che corre lungo lo spessore della tavola, salvo costruzione Cap.

Cap:

costruzione monoscocca nella quale il top-sheet è curvato verso il basso fino alla lamina.

Soletta o base:

è la parte della nostra tavola che è a contatto con la neve ed è anche quella che insieme alle lamine necessita di maggior cura, sciolinate gente… sciolinate

Nose:

la punta della nostra tavola.

Tail:

la coda della nostra tavola, che può essere normale, più stretta della punta Tapered Tail, oppure Swallow Tail che indica una coda con una V intagliata al centro, ideale solo per la neve fresca.

Directional:

tavole che presentano differenze più o meno marcate tra Tail e Nose, e spesso anche in termini di Sciancratura (la maggioranza delle tavole in commercio)

Twin-tip:

tavole che presentano una forma simmetrica in tutto e per tutto, Tail e Nose risultano identici (marcatamente Freestyle ma non fondamentali)

Shape:

non è altro che la forma della nostra tavola e oltre che per Directional e twin-tip si differenzia per narrow, semi-wide e wide che stanno a definirne la larghezza al centro (importante per i piedoni).

Flex:

termine usato per definire la resistenza alla flessione della nostra tavola, ci sono tavole morbide o dure, nervose o pastose, ogni tavola ha il suo Flex in base al suo utilizzo, alla lunghezza ecc ecc.

Sciancratura:

forma curvilinea dei fianchi della tavola che durante la fase di curva aumenta la Presa di spigolo e determina il raggio di curva base. Ogni tavola presenta una Sciancratura di misura diversa e a volte con raggi multipli sempre espressi in mt.

Lamina effettiva:

quantità di lamina compresa tra i due punti d’Appoggio di una tavola posta di lato su un piano, tra i molti fattori determina la tenuta della tavola in curva e la sua manovrabilità.

Tuning:

differenza d’altezza delle lamine rispetto alla soletta della tavola, le lamine saranno inclinate verso il top-sheet di + o – 1° per evitare prese di spigolo accidentali e aumentare la manovrabilità. in questo caso il fianco delle lamine sarà lavorato a 89° per avere comunque i 90° canonici ed evitare perdite di tenuta in carving.

Set-up:

termine usato dal Rider per definire il proprio Stance, larghezza e angolazione degli attacchi, nonché set-back sulla tavola.

Stance:

è la posizione dei nostri attacchi, larghezza tra i centri degli stessi e inclinazione verso il Nose o divergente. Sono fattori che andranno scelti in base al nostro fisico e a ciò che vogliamo fare con la tavola, in linea di massima Freeride più stretti mentre per Freestyle più larghi.

Set–back:

distanza compresa tra il centro della Lamina effettiva e il centro della distanza tra gli attacchi, condiziona il galleggiamento della tavola in neve fresca oppure la facilità di rotazione in aria ecc. non è altro che il nostro arretramento sull’attrezzo ed è presente in ogni tavola anche sulle twin-tip.

Duck-Stance:

quando si montano gli attacchi in modo che le punte dei piedi siano aperte o divergenti. (pratica sempre più diffusa).

 

TERRENI E LE STRUTTURE

Powder:

la fantastica neve fresca, detta comunemente pow.

Cliff:

è una bella roccia dalla quale i Rider saltano giù, rigorosamente fuori pista e in pow e con atterraggio in discesa pronunciata (è meglio).

Lip:

il Lip non è altro che un salto naturale che si può trovare fuori pista e che solitamente viene modellato dal vento, da qui windlip, viene detto anche Lip la parte finale dei kickers.

Snowpark:

zona di un comprensorio adibita alla pratica del Freestyle (anche con gli sci) piena di salti, rails magari anche un bel pipe o ancor meglio super pipe(più grosso).

Kicker:

il Kicker non è altro che la rampa che percorriamo per saltare, può essere più o meno verticale ed ha la sua Transizione, spalando ce lo possiamo costruire anche in fresca.

Flat:

è la parte piatta che bisogna oltrepassare nei salti in Snowpark per raggiungere il Landing.

Landing:

è la zona d’atterraggio del nostro salto, preferibilmente bella ampia e bella in discesa.

Coping:

Il Coping e' il bordo superiore del pipe dove si stacca e dove si rientra nella struttura (per intenderci quello spigolo dove ci si rompe il coccige se si sbaglia l’uscita)

Transizione:

la Transizione è la curvatura del Kicker o del muro del pipe(la parte tonda), è la curvatura da quale dipende la parabola che effettueremo in aria, più la Transizione sarà accentuata e più la nostra parabola risulterà arquata, determina la nostra spinta verso l’alto.

Vert:

direttamente e letteralmente da verticale, si chiama Vert la parte finale di un quarter o del pipe. Quella parte che sta tra la fine della Transizione e il Coping, è presente solo nelle strutture medio grandi per rendere più fluida l’uscita.

Half-pipe:

è quella struttura fatta a mezzo tubo lunga un centinaio di metri e con i muri che sono da 3 a 5mt e nel quale sono possibili evoluzioni di ogni tipo (disciplina olimpica)

Quarter-pipe:

singolo muro di pipe che può avere dimensioni davvero ragguardevoli e si può trovare anche naturale, può essere affrontato frontalmente e vi si possono effettuare le medesime evoluzioni del pipe.

Funbox:

struttura da Snowpark saltabile anche dai lati, ha la forma della scatola di un panettone, solitamente con uscita abbastanza verticale, vi si fa una parabola accentuata.

Straight-jump:

sono salti tipici da Snowpark anche di considerevoli dimensioni, con Kicker postoall’inizio del Flat e atterraggio (detto Landing), vi si fanno parabole meno accentuate e più lunghe, necessitano di velocità alte.

Spina:

salto tipico da Snowpark con Kicker quasi verticale che presenta un doppio Landing sui lati, a destra e sinistra.

Gap:

è unsalto in cui non è presente il Flat ma vi è un vuoto tra il Kicker e il Landing (in disuso).

Slide/slidare:

scivolare sopra un Rail o fare alcuni Flat-tricks.

Rail:

non è altro che un tubo tondo,quadro,doppio o qualsiasi altra struttura metallica o non dove sia possibile scivolare di traverso o frontalmente,(slidare) in park ce ne sono di molti tipi.

Piramide:

Rail fatto a forma di trapezio con le punte smussate (tre lati slidabili)

Rainbow:

Rail fatto a forma di arcobaleno, a parabola.

C-Rail:

Rail fatto a forma di C aperta, curvo.

Kink-Rail:

Rail avente tre superfici slidabili, solitamente piatto-discesa-piatto, ma ve ne sono multipli.

S-Rail:

Rail a forma di S aperta.

Box:

struttura slidabile più larga e spesso rivestita in plexiglass o altri materiali (può avere svariate forme e lunghezze come i Rail già descritti, ma facilita l’esecuzione degli Slide).

 

MANOVRE AEREE E NON

Air:

qualsiasi azione che ci porti a staccare la tavola dal terreno è detta Air o jump.

Trick:

si dice di qualsiasi evoluzione:Air, Flat o Rail che fai con lo Snowboard, qualsiasi manovra è un Trick.

Styloso:

Trick eseguito bene e in modo omogeneo/fluido, pulito.

Grab:

se salti e afferri la tavola hai eseguito un Grab. Comunemente italianizzato in grabbare, ce ne sono davvero tanti, tutti diversi e ne riassumeremo i principali.

Ollie:

manovra “fondamentale” che permette di saltare sfruttando l’elasticità della tavola, ma soprattutto se ben eseguito consente di avere il pieno controllo e bilanciamento durante la parabola del salto, dal Kicker al Landing. Viene eseguito sfruttando il Flex della parte posteriore della tavola indifferentemente da senso di marcia, Forward(Tail) o Fakie(Nose).(derivata dallo skate)

Nollie:

Ollie eseguito sfruttando il Flex della parte anteriore della tavola del Nose in Forward e del Tail in Andatura Fakie.

Spin:

non sono altro che le rotazioni sul proprio asse, che possono essere di diversa portata, 180° 360° 540° 720° e oltre, back-side e front-side, di conseguenza Switch e Cab. Lo Spin non è altro che la spinta di rotazione che si effettua durante lo stacco di un salto, sfruttando la Conduzione e la Sciancratura della tavola, ma non solo.

Switch:

manovra aerea eseguita partendo in Fakie, può essere un salto o uno Spin e in caso di Spin è detta Switch back-side la rotazione back-side staccata in Fakie, e più semplicemente Cab la rotazione Switch front-side.

Cab:

termine per definire unamanovra aerea eseguita staccando in Fakie ma usata solo per le rotazioni front-side staccate in Andatura Fakie, ovvero Switch front-side

Cab. (terminologia derivata dallo skate e manovra inventata da Steve Caballero).

Alleyoop:

rotazione back-side o front-side eseguita in pipe o quarter, per un Regular(Goofy al contrario) uscendo dal muro front-side girando in back-side e uscendo dal muro back-side girando in front-side, e fattibile anche Switch e Cab ma è più difficile.

Flip:

sono i cosiddetti cappottoni o salti mortali, è detto Flip ogni salto “mortale”, con rotazione in avanti (front-Flip) oppure indietro (back-Flip).

Corkscrew:

detto comunemente cork, non è altro che un particolare tipo di Spin che viene girato fuori asse e può essere sia front-side che back-side e sia Switch che Cab.

Rodeo:

altro tipo di Spin fuori asse che può essere girato anch’esso sia front-side che back-side e sia Switch che Cab(trovi anche questo nella Trick school).

McTwist:

manovra inventata in half-pipe dallo skater mike mcgill ed eseguita per la prima volta con lo Snowboard da mike jacoby, è una manovra classica da pipe o quarter ed è un mix tra uno Spin back-side e un front-Flip. Si esegue affrontando il muro back-side e compiendo contemporaneamente un front-Flip e uno Spin di 540° back-side.

Air to Fakie:

uscita Forward eseguita in pipe, quarter o Spina durante la quale non si esegue nessuna rotazione e quindi si rientra nella struttura surfando alla rovescia (in Fakie appunto).

Air to Crash:

come sopra ma atterrando facendo un bel botto, quando ci si sfracella.

Late:

si dice Late qualsiasi manovra soprattutto Spin, girato volutamente in maniera molto lenta, quasi in ritardo.

Shifty:

è un Air nel quale non si grabba la tavola, ma durante la parabola ci si distende col corpo, si twista(gira) la tavola in una direzione tenendola girata fino all’ultimo.

Slash:

non è una vera e propria manovra, ma è una vera goduria. significa chiudere repentinamente (a metà) un curvone in pow per poi riaprirlo, così da alzare più neve possibile (mutuato dal surf).

Lean:

grabbare con la mano davanti la lama dei talloni tra i piedi flettendo leggermente le ginocchia, diventa Sad distendendo la gamba davanti.

Stale-fish:

letteralmente pesce marcio, significa grabbare con la mano dietro la lama dei talloni tra i piedi, stale-fish se piatto o distendendo moderatamente la gamba dietro, è stale-fish-Nose-bone distendendo moderatamente la gamba anteriore.

Indy:

grabbare con la mano dietro la lama tra le punte dei piedi, è Indy se con la gamba posteriore moderatamente distesa o piatto, diventa Nose-bone con la gamba anteriore distesa.

Mute:

grabbare con la mano davanti la lama tra le punte dei piedi.

Back-side Air:

grabbare con la mano davanti la lama dei talloni davanti l’attacco anteriore, torcendo la schiena, girando la tavola verso valle col ginocchio anteriore flesso e distendendo la gamba posteriore (old school ma molto tecnico).

Method-Air:

Trick tipico da pipe-quarter, grabbare back-side Air trovandosi col corpo parallelo al terreno e la tavola più in alto, quindi con le ginocchia flesse.

Japan-Air:

grabbare con la mano davanti sulla lama davanti all’interno dei piedi passando però col gomito esternamente al ginocchio.

Stiffy:

manovra in cui al momento del Grab si distendono entrambe le gambe.

Roast-beef:

Grabbare la lamina dei talloni tra i piedi passando davanti al bacino.

Nose-Grab:

grabbare il Nose della tavola con la mano davanti.

Tail-Grab:

gabbare il Tail della tavola con la mano dietro.

Handplant:

uscita in quarter o pipe nella quale si appoggia una mano sul cooping e si fa un verticale grabbando la tavola con la mano libera.

One-foot:

saltare con un piede slacciato, grabbare e fare una spaccata durante il volo (johan style).

Nose-wheelie:

surfare in pista flettendo la tavola in Appoggio sul Nose e compiendo contemporaneamente una rotazione.

Nose-press:

andare dritti flettendo la tavola in Appoggio sul Nose(come impennare in moto).

Nose-Slide:

anche questo in Appoggio sul Nose ma con la tavola di traverso e in torsione per consentirne lo Slittamento laterale.

Tail-wheelie:

surfare in pista flettendo la tavola Appoggio sul Tail e compiendo contemporaneamente una rotazione.

Tail Press:

andare dritti flettendo la tavola in Appoggio sul Tail(come impennare in moto).

Tail-Slide:

anche questo in Appoggio sul Tail ma con la tavola di traverso e in torsione per consentirne lo Slittamento.

 

Fonte: http://www.mgsnowboard.com/index.asp

18°C
Cotronei
Nubi sparse con ampie schiarite
Umidità: 54%
Vento: 2 nodi variabile
Mer

13°C
Gio

13°C
Ven

17°C
Sab

17°C